Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso clicca su 'Maggiori informazioni'. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Editoriale giugno 2018

Dalla rivista CicloTurismo
 
Noi in Romagna e anche a New York bici dovunque...
Certo faceva un grande effetto ritrovarci in mezzo ad una marea di ciclisti tra i grattacieli di New York e pensare che nello stesso giorno sulle remote stradine delle Romagna altre migliaia di persone pedalavano affrontando le colline del Sangiovese. Sembrava che fosse in atto una sorta di…occupazione del mondo. Le biciclette la facevano da padrone e noi pensavamo che in fondo questo era uno splendido messaggio dato dall’uomo da questo semplice strumento di felicità, fatto di coraggio e d’allegria.
Noterete che inauguriamo questo numero di Cicloturismo proprio col col reportage realizzato in America dal nostro inviato. Lo facciamo per sottolineare la grande apertura degli orizzonti fatta dalla bici nel mondo. Sembrava quasi che la bicicletta rammenti all’uomo la naturale esistenza delle sue forze in difesa della sua vita in un’epoca di paura e di sofferenze non piccole. La bicicletta è il veicolo della robusta semplicità ed anche della felicità.
Lo abbiamo visto in America. E lo abbiamo visto anche in Romagna ove il Prestigio ha letteralmente trionfato all’ombra di due campanili ormai diventati storici. Quello di Cervia e quello di Cesenatico.
Ma ai due si è unito il campanile di Cattolica con il lancio potente della Gran Fondo intitolata agli Squali. In realtà di squali nell’Adriatico ce ne sono pochi ma alla partenza della gara di Cattolica c’era Vincenzo Nibali, lo “Squalo” per eccellenza…..
La primavera esplode con le bici e noi siamo più che mai sui pedali in ogni parte in cui le due ruote sventolano la loro bandiera di festa. Ma non solo…..
Leggerete in questo numero di Cicloturismo anche un articolo dedicato ad un neofita che per ultimo (meglio tardi che mai….) ha scoperto la bicicletta. Si è innamorato.
L’ha corteggiata davanti alla vetrina di un negozio. L’ha acquistata e poi ha iniziato timidamente a praticarla diventando in poco tempo ricco di conoscenze e di felici amicizie.
Poi la decisione.
Mi iscrivo ad una Gran Fondo.
La prima.
Mi butto.
E subito è scoppiata la febbre della curiosità. Duemila domande a chi ne sa di più. Domande su tutto  e ancora di più…. 
E sulle pagine di Cicloturismo ecco il servizio dedicato all’infinita sete di conoscenza del neofita che sta per mettersi sui pedali di una Gran Fondo.
E’ arrivato il momento magico….
Poi arriverà il Prestigio.
Poi arriverà New York….
 
Ricordiamo ai lettori, che a Settimo Torinese, Ecomuseo del Freidano in Via Ariosto 36 bis, troverete l’associazione Ciclofficina Riciclistica Settimese!
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
              
Responsabile della pagina: Laura Pesce